mercoledì 13 marzo 2013

Come Iniziare Bene la Giornata senza Stressarsi troppo

La mattina alle sette ti suona la sveglia. Hai appena trovato la posizione più comoda, quella che stavi cercando da otto ore e suona quella maledetta suoneria (del cellulare solitamente) che ti dice che devi smettere di crogiolarti tra le lenzuola calde, e devi avere a che fare con le sedie fredde della cucina, il rumore del caffè che gorgoglia dentro la moka e i biscotti quasi ormai stantii perché sono lì da una vita, e non ti piacciono più. Li hai comprati con entusiasmo perché avevi voglia di cambiare, li hai assaggiati e non ti sono piaciuti.. Purtroppo però non hai nessuno a cui rifilarli e questo diventa un problema. La prima motivazione da naso storto al mattino. Una colazione che non inizia per il verso giusto non è mai un bene.


Basta, sposti la tazzina nel lavello, vai in bagno trascinando svogliatamente le ciabatte sul pavimento, e arrivi in bagno. Pausa di riflessione allo specchio, ti guardi, c'è un brufolo sotto la guancia destra "ma nemmeno un pezzettino di cioccolata posso mangiare???". Guardi l'orologio: sette e venti. Venti minuti di cosa? Di nulla... E si che quando vai a lavoro un ora non passa mai e aneli il momento di tornare a casa come il disperso nel deserto del Sahara si augura che compaia un gelataio tra le dune.


Prendi in mano lo spazzolino, spremi il dentifricio "ma chi è che lo spreme dal centro e non dal fondo?" e inizi a lavarti i denti. Intanto guardi i tuoi capelli, guardi le sopracciglia, che sono già da rifare. Però i capelli sono belli, "perché se mi alzo al mattino mi stanno divinamente mentre se mi pettino per due ore sembro una sfigata?" Mistero della fede, un po' come quando al pomeriggio hai il parrucchiere e in macchina ti accorgi di quanto ti stiano bene i capelli quel giorno.


Ti vesti, ti pettini, ti trucchi, sei in ritardo di due minuti ma tutto calcolato, prendi la stradina dietro casa che ti porta su quella principale più velocemente. Arrivi a lavoro "ho chiuso la macchina?" torna indietro e verifica, entra a lavoro, cavolo ci sei arrivata giusta per un minuto. Un minuto che in certi momenti è oro, in altri è una insignificante unità di misura che serve solo a scandire l'ora in modo ottimistico. Mancano 5 minuti. No, ne mancano 3, che sono quasi 1, e quando sei a 1 ormai è fatta.


Non ti accontentare di meno di ciò che meriti, circondati di cose belle, premia il tuo duro lavoro, viaggia, condividi, scrivi, ascolta, fai cose che ti gratificano ogni singolo giorno e vedrai che anche il minuto per prendere il caffè diventerà un minuto speciale.

5 commenti:

  1. In effetti il buon giorno si vede dalla colazione: è il mio momento preferito della giornata ;))). Ma non mi parlare di biscottini in tempo di fioretto quaresimale ah ah ah
    P.S. Quei meravigliosi orecchini sarebbero comunque capaci di raddrizzare una giornata partita male: sono S-T-U-P-E-N-D-I

    www.lostinunderwear.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Hi dear! just found your blog, do you want to follow each other? let me know. See you soon and kisses

    RispondiElimina
  3. Ciao cara trovo il tuo blog davvero carino,ti và di seguirci a vicenda???
    passa a trovarmi :)
    http://idolcibijoux92.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. Thank you so much for follow me! Follow you back ;D Kisses xxx

    RispondiElimina
  5. Grande! Hai pienamente ragione, "Non ti accontentare di meno di ciò che meriti, circondati di cose belle" anche quando la vita sembra non dartene alcuna!! :)
    La felicità è nostra ;)

    NEW POST! Come visit
    justaflea.blogspot.it

    RispondiElimina

Grazie per il tuo interesse, torna presto a trovarmi! =)

Post più popolari